"Nel giro di vent'anni sarete più dispiaciuti per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi lanciatevi, abbiate il coraggio di levare l'ancora e avventurarvi oltre il porto sicuro. Lasciatevi guidare dal vento ed esplorate nuovi lidi" Mark Twain

9/26/2007

patente americana

per chi viene in vacanza in america non ci sono problemi ad utilizzare la patente italiana, qualcuno richiede quella internazionale ma di solito i turisti vengono trattati bene snza fare polemiche.
se invece si viene negli stati uniti per risiedere o lavorare e' obbligatorio avere la patente americana. le regole in generale non si differiscono da quelle italiane ma ci sono alcune differenze importanti, eccone 2 per esempio: al semaforo la svolta a destra e' quasi sempre consentita anche con la luce rossa, oppure il sorpasso a destra e' consentito.
il libricino che sto studiando e' di circa 70 pagine per cui piu concentrato di kuello italiano ed una frase che mi e' piaciuta molto e' "dmv (la motorizzazione locale) vuole che tu passi il test" infatti per la prova scritta danno la possibilita di rifarla per ben 3 volte ( cioe se non lo passo dopo la terza volta sono un rincoglionito ! :)
inoltre e' possibile fare il test scritto in tantissime lingue tra cui anke inkredibilmente l italiano. io lo faro' in inglese!
passato il test c'e la prova pratica da fare con macchina propria o prestata da qualcuno ed anche qui si puo rifare per 3 volte se non si passa.
adesso parliamo dei costi: costo di iscrizione al test scritto $30 e altri $10 per la prova su strada forse dimentico qualche altra piccola fee ma comunkue una gran differenza rispetto all italia
ultima nota: qua kuasi tutti studiano da soli e ottengono la patente senza l'aiuto di nessuna scuola guida

6 commenti:

Fabrizio Cariani ha detto...

ha! e se il test a LA e' come il test a SF scoprirai che non ti fanno fare il parcheggio durante l'esame.

Quando io ho fatto il test di guida, pero', l'esaminatrice si e' irritata molto perche' non fermo mai la macchina immediatamente prima della linea dello Stop, ma sempre un po' dopo--per vedere meglio la strada.
Mi ha contato 9 volte questo errore (nove!). Quasi mi bocciava per 'sta cosa dello Stop.

enricon ha detto...

io invece ho cannato la prima teoria per un errore sulle prime 10, alla pratica l'istruttore mi ha ripreso perche' ho cambiato corsia troppo tardi (at next intersection turn right......right....destra....di qui o di la'?.....ah, ecco..!)
Qui in virginia invece c'e' la regola dello scuolabs: fermarsi dietro lo scuolabus che sta' scaricando bimbi, anche dall'altra parte della strada se non c'e' separazione fisica tra i sensi di marcia!
ciao, enricone, norfolk!

Aelys ha detto...

Ottime informazioni, considerando che al più presto dovrei decidermi a superare la pigrizia e prendere questa patente. Vabbè che qui guidare quasi non serve, ma non si sa mai...

Furlans de diaspore ha detto...

In teoria esistono scuole guida, ma in genere dal momento che hai gia' una patente non devi fare le diverse ore di teoria... e tutto diventa piu; semplice ed economico.
Se tu non avessi avuto una patente di guida avresti dovuto fare scuola guida + esami.

Enricon, la regola dello scuolabus non e' solo in Virginia e' in tutti i 50 stati e territori... la multa e' salata, e ci sono diversi punti. In Maryland ci sono anche le trappole, mettono uno scuolabus su una strada trafficata multicorsia, e poi multano chi non si ferma...e non ci sono scuse. :-(

Il Blog del neo-yankee Marco ha detto...

Uhmmm... per la salute mia e degli altri (visto come guidano gli autoctoni) ho deciso di non patentarmi, qui.
Già mi immaginavo a suonare, turpiloquiare, picchiare col crik, l'autista dello scuolabus che non si sbrigava a far scendere i bambini... ;-)

Ali ha detto...

Lo sai, questi tuoi post mi stanno letteralmente rilassando!!!

Credevo di dover superare chissà quale calvario per avere la patente americana!!!

Yuppy!!